giovedì 13 aprile 2017

Week End - FINLANDS

Week EndFINLANDS

Album: PAPER (2016)
Testo&musica: FINLANDS
Lyrics

Week End
Itsudatte naitetakatta
itsudatte watashi dattara
Weekend ni fusawashii
Teemasongu wo kimete ageru yo

Konban anata ga sashidasu jiyuu wa
watashi ni totte wa totemo fubenda
Guuzen ochita
tsumetai puuru ni
koi wa oboreru wake ni
mo ikazuni

Sabishii hanashi wo
machikado ni maki chirashi
dare mo ga unazuku
Higeki no hiroin wa ketsuron toshite
Takai kanousei de waratteru

Itsudatte naitetakatta
Itsudatte anata datta no
Weekend ni shiawasena
Teemasongu ga mattekurenai
Mou nankai mo koroshita nda
mou nankai mo iikikasete
Kinyou 0 ji no kankou wa
anata ni yogosaretai

Anata wa shikkari jiyuu wo tamerai
Konban kanojo wa
rabusongu ni naru
Akikan ni sakasu
beranda no kajitsu
Manatsu ga yukkuri iki wo morashite

Tanoshii hanashi wo heya
chuu ni baramaite
Itoshii onna wo sagesun de
kurushin da
Ai suru anata wo nagamete
tada mitasareteitai

Itsudatte naitetakatta
Itsudatte anata datta no
Weekend ni shougekina
Endorooru wo machikogarete
Mou nankai mo koroshita nda
mou nankai mo iikikasete
Kinyou 0 ji no kankou wa
anata ni yogosaretai

Konrinzai samenai nante
zankokuna kanpeki maboroshi datta
Dasaku nara konban
watashi de ii wa
anata to shippai shitai
Traduzione

Weekend
Volevo sempre piangere,
volevo sempre farlo.
Per questo weekend merito
di scegliere una colonna sonora.

La libertà che stringi a te stasera
non è affatto un bene per me.
Sono caduta per sbaglio
in una fredda piscina,
e cerco di aggrapparmi all'amore
per non annegare.

Lancio e spargo le chiacchierate
solitarie in un angolo di strada,
ma tutti annuiscono;
alla fine sono una melodrammatica.
Rido come meglio posso.

Volevo sempre piangere,
volevi farlo anche tu?
Ma il nostro weekend era felice.
Non aspettavamo una colonna sonora.
Mi hai ucciso innumerevoli volte,
dimmi quante volte!
Come di consueto, di venerdì,
a mezzanotte, voglio che mi avveleni.

Esiti riguardo alla tua ferma libertà.
Stanotte è quella ragazza che diventa
la tua canzone d'amore.
Una bacca che germoglia
in una lattina vuota in veranda.
Respiriamo lentamente la mezza estate.

Spargo una chiacchierata allegra
in questa stanza.
Hai disprezzato la tua cara donna,
ed io ho sofferto.
Ti guardo, amore mio,
e voglio soltanto incontrarti.

Volevo sempre piangere,
volevi farlo anche tu?
Il weekend è uno shock.
Attendo i titoli di coda.
Mi hai ucciso innumerevoli volte,
dimmi quante volte!
Come di consueto, di venerdì,
a mezzanotte, voglio che mi avveleni.

Non mi sveglierò affatto
da questa perfetta e crudele illusione;
se solo fosse stata scadente,
stanotte starei bene
e sarei pronta a metterti da parte.

Nessun commento:

Posta un commento