domenica 14 giugno 2015

Akashi - Piko

Akashi - Piko

Album: 1PIKO (2011)
Testo: Piko - musica: samfree
Lyrics

Akashi
Noroshi ga agaru
hi no hikari wo fusagu kage
kaihou no koe.
Gisei no ue ni naritatsu sekai
ashita mo kurikaesu
imi mo naku.

Yamanu kuro no ame
yurusarenai tsumi wo uwanuru.

Sashinobeta no wa
ai ja naku juukou
chi wo someru ichirin no hana.
Negau no wa osanai egao to mirai
sore ga ikita akashi.

Tsuki wa kakurete
shizukesa ga kanashimi hakobu
susuri naku koe.
Hitomi tojireba
yakitsuita kioku ga osou.
Kodoku ni furuenagara
"...owari wa kuru darou".

Boku wa utau kimi wo dakiyose.

Te ni ireta no wa zetsubou ka
kibou ka?
Kotaerareu hazu mo naku.
Nokoru no wa wara ni mo sugaru yokubou
sore ga hito no akashi.

Mou ii yo
kurushii nara
boku no te de saa nemutte.

Furiorosu no wa
seijaku to sakebi
egao no mama kimi ga yuku.
Hohoemi wo kaeshita
boku no juuzai nido to
kienai.

Sashinobeta no wa
ai ja naku juukou
chi wo someru ichirin no hana.
Negau no wa osanai egao to mirai
sore ga ikita akashi.
Traduzione

Prova
Un segnale di fumo s'innalza,
le ombre oscurano la luce del sole,
si sente una voce di redenzione.
Il mondo è basato sui sacrifici,
e anche domani sarà così,
senza alcun senso.

La pioggia nera è inarrestabile,
i peccati imperdonabili si accumulano.

Ciò verso cui ho teso le mani
non era amore, ma un impedimento;
un unico fiore colora la terra.
Desidero un sorriso innocente ed un futuro,
perché sono la prova della mia esistenza.

La luna si nasconde,
il silenzio porta dolore,
si sente una voce che singhiozza.
Quando chiudo gli occhi,
le fiamme dei miei ricordi mi attaccano.
Mentre tremo nella solitudine
mi dico "...sta arrivando la fine".

Canto, abbracciandoti.

Ciò che ho afferrato è disperazione
o speranza?
Non esiste alcuna risposta.
Ciò che resta è un desiderio disperato,
ed è la prova che siamo umani.

Non ne posso più;
se proprio dobbiamo soffrire,
almeno addormentati tra le mie braccia.

Ciò che indugia sotto di noi
è un insieme di silenzio ed urla,
mentre tu muori sorridendo.
Io ho rinunciato al mio, di sorriso;
è il mio più grave peccato,
e non scomparirà.

Ciò verso cui ho teso le mani
non era amore, ma un impedimento;
un unico fiore colora la terra.
Desidero un sorriso innocente ed un futuro,
perché sono la prova della mia esistenza.

Nessun commento:

Posta un commento